Aspetti di diritto del lavoro tedesco nei giorni del COVID-19
By RA CHRISTIAN HERMANN | 21.03.2020

L’informazione e la corretta comunicazione con i dipendenti sono essenziali per la corretta gestione dei rischi.

Cosa deve fare il datore di lavoro in Germania nella situazione attuale?

Fintanto che non ci sono casi sospetti nell’azienda e non vengono diagnosticate infezioni, rimane l’obbligo generale di assistenza del datore di lavoro ai sensi del diritto del lavoro; devono quindi essere adottate misure adeguate a proteggere la salute dei dipendenti.

Devono attualmente essere adottate le seguenti misure:

· Invito a lavarsi le mani regolarmente

· Istruzioni per il corretto lavaggio delle mani

· Distribuzione di disinfettanti

· Divieto di stringere la mano

· Raccomandazione di tossire o starnutire in un fazzoletto o nell’incavo del braccio

· Se necessario, l’uso di maschere protettive

Cosa succede se le autorità dispongono la quarantena di un dipendente?

Se un dipendente viene messo in quarantena da un’autorità o se viene imposto un divieto ufficiale di lavoro, la legge tedesca sulla tutela dalle infezioni prevede per il datore di lavoro il diritto al rimborso da parte dell’autorità che ha impartito l’ordine. Questo principio è tuttavia fino ad oggi applicato raramente dalla giurisprudenza, che nella maggior parte dei casi ha ritenuto il datore di lavoro obbligato a pagare la retribuzione “in ogni caso” ai sensi del §616 del Codice Civile tedesco (BGB). Se questo principio viene applicato, il datore di lavoro deve pagare lo stipendio e non ha diritto al rimborso.

La decisione dipende dal singolo caso e soprattutto dalla durata della misura di quarantena.

È auspicabile che a breve termine il legislatore preveda un aiuto alle imprese il meno burocratico possibile. Sulla base della situazione giuridica attuale, tuttavia, non si può presumere che le richieste di rimborso vengano accettate in automatico.

Poiché anche le richieste di rimborso sono soggette a scadenze, si consiglia di contattare l’autorità che ha disposto la quarantena o il divieto e di chiedere tempestivamente indicazioni.

Cosa succede se l’attività aziendale deve essere sospesa?

Se il numero di casi sospetti o accertati nell’azienda aumenta e l’attività non può più essere svolta o se le autorità ordinano la chiusura dell’azienda, si pone la questione della retribuzione dei dipendenti. Poiché il mantenimento del flusso operativo rappresenta il cosiddetto rischio operativo del datore di lavoro, in caso di chiusura dell’attività i dipendenti continueranno a ricevere la loro retribuzione invariata. Per evitare gravi danni economici si dovrebbe quindi prendere in considerazione per tempo anche la disposizione della cassa integrazione. Prima di farlo, si dovrebbe anche esaminare se è possibile la riduzione degli straordinari o la concessione delle ferie per i periodi di crisi.

La cassa integrazione aiuterà quindi a superare l’emergenza Coronavirus?

Molte aziende e i loro dipendenti sentono ogni giorno di più gli effetti della pandemia da Coronavirus sulle loro attività e sulle opportunità di lavoro. Il governo tedesco ha quindi stabilito fin dall’inizio la strada da seguire per facilitare alle aziende l’utilizzo del lavoro a orario ridotto, soluzione che può offrire vantaggi per la gestione della crisi.

Nel comunicato stampa del 28 febbraio 2020, l’Agenzia federale per il lavoro ha espressamente chiarito che la cassa integrazione può essere sovvenzionata mediante un’indennità per l’orario ridotto a causa di perdite di lavoro causate dal Coronavirus o da misure di protezione governative correlate (https://www.arbeitsagentur.de/news/kurzarbeit-wegen-corona-virus).

Cosa si intende per cassa integrazione in Germania?

La cassa integrazione significa che, a causa di una notevole perdita di ore lavorative, le ore di lavoro e, di conseguenza, la retribuzione sono temporaneamente ridotte. La perdita di guadagno è parzialmente compensata dall’Agenzia del lavoro sotto forma di “indennità”.

Per quali conseguenze del Coronavirus può essere concessa una indennità?

Con riferimento al Coronavirus, attualmente esistono due situazioni in cui le aziende possono richiedere un’indennità all’Agenzia del lavoro se le altre condizioni sono soddisfatte:

· se il carico di lavoro si riduce significativamente a causa di un’epidemia, ad esempio perché le catene di fornitura o le opportunità di vendita crollano, oppure

· quando i dipendenti non possono lavorare a causa di ordini ufficiali.

Tuttavia, il caso in cui sia il datore di lavoro a mettere i dipendenti in quarantena domestica come misura preventiva per evitare il rischio di infezione, non sarà prevedibilmente coperto a causa dell’attuale interpretazione prevalente da parte dell’Agenzia del lavoro.

Quanti dipendenti devono essere interessati e in che misura?

La cassa integrazione può essere introdotta per tutti o solo per alcuni dei dipendenti. Anche l’entità della riduzione dell’orario di lavoro può variare a seconda del dipendente. È persino possibile ridurre a zero le ore di lavoro. Attualmente, tuttavia, l’indennità per lavoro ridotto può essere percepita solo se almeno un terzo dei dipendenti dell’azienda o di un reparto dell’azienda subisce una perdita di guadagno superiore al 10% ciascuno. Secondo i piani del governo federale, in futuro sarà sufficiente che almeno il 10% dei dipendenti sia interessato dal lavoro a orario ridotto invece di un terzo.

Quali altri requisiti ha l’indennità di cassa integrazione?

La riduzione dell’orario di lavoro dovuta alla pandemia da Coronavirus deve essere temporanea e inevitabili. Ciò presuppone che almeno il monte ore di ferie residue dell’anno precedente sia stato ridotto. Deve essere data massima priorità a modifiche lecite e variazioni dell’orario di lavoro. Ciò può significare che non solo i saldi a credito devono essere ridotti, ma anche i saldi negativi devono essere accumulati prima di poter richiedere un’indennità per brevi periodi di tempo.

Le modifiche legislative previste dal governo tedesco dovrebbero consentire che si possa fare a meno dell’accumulo di saldi negativi in tutto o in parte. Si deve inoltre tener conto di una serie di requisiti operativi e personali, come la conservazione del rapporto di lavoro. Infine, il datore di lavoro deve informare debitamente l’Agenzia del Lavoro della diminuzione di lavoro.

A quanto ammonta l’indennità di lavoro di cassa integrazione e per quanto tempo viene erogata?

A seconda degli obblighi di mantenimento familiare, l’indennità di lavoro a tempo parziale è pari al 60 o al 67% della differenza di retribuzione netta. La durata massima del diritto è attualmente di dodici mesi. Può essere prorogato fino a 24 mesi con provvedimenti emessi dal Ministero Federale del Lavoro.

Quali costi rimangono per il datore di lavoro?

Se l’orario di lavoro non viene ridotto a zero, il datore di lavoro continua a pagare la retribuzione per la restante base dell’orario di lavoro insieme ai contributi previdenziali del datore di lavoro.

Inoltre, i contributi previdenziali sono dovuti per l’80% della retribuzione persa a causa del lavoro a tempo parziale. Secondo l’attuale situazione giuridica, il datore di lavoro deve sopportare questo costo interamente da solo. Tuttavia, per questo caso è all’esame un rimedio: il governo federale prevede di introdurre opzioni di rimborso per questa parte dei contributi sociali.

A seconda dei presupposti giuridici della cassa integrazione, il datore di lavoro può essere obbligato a versare un’integrazione dell’indennità.

Come verrà introdotto il lavoro a orario ridotto?

I datori di lavoro non possono ricorrere alla cassa integrazione di propria iniziativa. È richiesto che sia prevista in un contratto collettivo, nel contratto di lavoro o in un accordo integrativo del contratto. L’introduzione è soggetta ad approvazione ai sensi del § 87, comma 1, n. 3, BetrVG. Il datore di lavoro deve richiedere l’indennità di cassa integrazione presso l’Agenzia del lavoro locale.

Quali modifiche di legge sono previste e da quando?

La “Arbeit-von-morgen-Gesetz” (Legge sul lavoro da domani), approvata come bozza dal governo federale il 10 marzo 2020, ha lo scopo, tra l’altro, di consentire l’emanazione di un provvedimento per ridurre i requisiti per la concessione dell’indennità di cassa integrazione.

 Si veda il seguente link:

https://www.bmas.de/SharedDocs/Downloads/DE/PDF-Gesetze/Regierungsentwuerfe/reg-arbeit-von-morgen-gesetz.pdf?__blob=publicationFile&v=2

 In particolare, sono previste le seguenti misure:

· Riduzione della soglia minima di dipendenti interessati dal lavoro a orario ridotto da 1/3 al 10% di un’azienda o di un reparto di un’azienda

· Eliminazione dell’obbligo di dare priorità ai saldi negativi dell’orario di lavoro

· Rimborso da parte dell’Agenzia del lavoro dei contributi previdenziali precedentemente a carico esclusivo del datore di lavoro.

L’iter legislativo si svolgerà in tempi così rapidi che la nuova normativa potrà entrare in vigore nella prima metà di aprile. Le eccezioni sono limitate al 31 dicembre 2021. Inoltre, il rimborso del 50% dei contributi previdenziali a carico esclusivo del datore di lavoro dovrebbe rimanere in vigore fino al 31 luglio 2023, qualora si utilizzino i periodi di lavoro a orario ridotto per misure di formazione professionale.


Per ulteriori domande, saremo lieti di consigliarvi e assistervi.

Christian Hermann

Sedi

Arndtstraße 34-36
D - 60325 Frankfurt am Main
Tel: + 49 (0) 69 - 92 07 15-0
Fax + 49 (0) 69 - 28 98 59
email: info@dolce.de
Schwanthalerstraße 102
D-80336 München
Tel.: +49-(0)89-59 91 86 26
Fax: +49-(0)89-59 91 86 27
email: info@dolce.de
Viale Verdi 15
I - 41121 Modena
Tel. + 39 059 - 43 91 737
Fax: + 39 059 - 21 95 41
email: dlmo@dolce.it
Fritz-Elsas-Str. 38
D - 70174 Stuttgart
Tel: + 49 (0)711 - 6 74 41 92
Fax: + 49 (0)711 - 6 74 41 93
email: info@dolce.de
Via Visconti di Modrone 38
I - 20122 Milano
Tel: + 39 02 - 76 28 10 29
Fax: + 39 02 - 78 05 13
email: dlmi@dolce.it
Via Amendola 104
I - 70126 Bari
Tel: + 39 080 - 512 99 49
Fax: + 39 080 - 512 99 49
email: dlba@dolce.it